Cosa fanno i produttori

Nello sviluppo e produzione delle apparecchiature per imaging medicale, i produttori hanno due priorità assolute: dotare lo staff medico delle migliori immagini possibili per supportare le loro decisioni e le loro diagnosi e, contemporaneamente, mantenere al minimo possibile la quantità di radiazioni richiesta da qualunque immagine clinica. Per realizzare questi obiettivi i produttori investono in innovazione tecnica e ottimizzazione della progettazione delle apparecchiature, così come in formazione e training del personale medico per assicurare il corretto utilizzo delle apparecchiature.

Cosa fanno i produttori

Adottando linee guida a carattere normativo sulla massima dose di radiazioni consentita, come quelle della Commissione internazionale per la protezione radiologica, nonché pratiche standard del settore, come quelle emanate dal MITA (Medical Imaging and Technology Alliance) negli USA, i produttori seguono principi consolidati per la protezione dalle radiazioni nella progettazione delle apparecchiature per assicurare che la quantità di radiazioni richiesta sia la più bassa ragionevolmente possibile, principio altrimenti noto con l’acronimo ALARA (“Low As Reasonably Achievable”, in alcune parti del mondo viene indicato con ALARP cioè “As Low As Reasonably Practicable”).

Una volta installata l’apparecchiatura di imaging, i produttori forniscono numerosi programmi di formazione completa e training per lo staff medico e gli operatori tecnici per consentire loro di utilizzare correttamente l’apparecchiatura.